LA TRADOTTA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA


NEL CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA

giovedì 18 ottobre 2018

Duino&book - Festival del libro della Grande Guerra. Edizione 2018 – Programma

Duino&book
Festival del libro della Grande Guerra
Edizione 2018 – Programma

Giovedì 11 ottobre
Ore 15.00 Presentazione in anteprima del calendario degli eventi, con il Sindaco di Duino Daniela Pallotta e Massimo Romita, Assessore al Turismo.
Barcolana 50 – Trieste.


Sabato 13 ottobre
Ore 11.00 Inaugurazione mostra “ERMADA 1914-1918 VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE”. La mostra sarà visitabile fino al 6 gen- naio 2019. info: 040 208120 www.castellodiduino.it
Castello di Duino.


Giovedì 18 ottobre
Ore 17.00 Inaugurazione mostra “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE” La mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio 2019.
Civico Museo della Guerra per la Pace Diego De Henriquez di Via Cumano a Trieste, a cura sempre del Gruppo Ermada e del Comune di Trieste. Tel 040 6754699 www.museodiegodehenriquez.it


Venerdì 19 ottobre
Ore 10.00 Presentazione nazionale del Duino&Book Festival del Libro della Grande Guerra. www.pianadelleorme.com
Museo “Piana delle Orme” - Pontinia (LT).


Martedì 23 ottobre
Ore 17.30 Presentazione del progetto “Sauro100” dell’Ammiraglio Romano Sauro, nipote dell’eroe nazionale Nazario Sauro. Un pro- getto che lo ha visto impegnato in un viaggio lungo due anni per commemorare il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Nell’occasione sarà presentato il libro “Nazario Sauro, storia di un marinaio”. La serata sarà curata dalla Lega Nazionale di Trieste e dalla Pro Loco Mitreo.
Bar Ai sportivi di Borgo San Mauro di Sistiana.

Venerdì 26 ottobre
Ore 18.30 Presentazione del film “I Bambini della Grande Guerra” di Alessandro Bettero. L’evento è promosso dalla Pro Loco Fogliano Re- dipuglia. www.prolocofoglianoredipuglia.it
Museo della Stazione di Redipuglia.


Sabato 27 ottobre
A partire dalle 9.00 Scopritura targa a ricordo delle vittime Civili e Militari della Guerra 1914-1918, a cura del Comune di Duino Auri- sina/Obcina Devin Nabrezina e gli Amici della Croce Nera Austriaca. Municipio di Aurisina.
Ore 17.00 Conferenza “L’ESERCITO UNGHERESE Esperienze a confronto a cent’anni della Grande Guerra”. Per l’occasione in- terverranno Rinaldo Stadi, Presidente del Gruppo Speleologico Flon- dar, Gianfranco Simonit, Vice Presidente del Gruppo Speleologico del Carso, Tamás Pintér, Norbert Stencinger e Rózsafi János della Fondazione Grande Guerra Nagy Haboriu (Budapest, Ungheria). Al termine è prevista una visita guidata del Minimuseo del Villaggio del Pescatore. nagyhaboru.blog.hu
Biblioteca del Villaggio del Pescatore.

Domenica 28 ottobre
Ore 08.30 Un’escursione sui luoghi della Grande Guerra ESCUR- SIONE SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA - “LA CAMMINATA TRA GLI OLIVI”, promossa dalla Rete Landa Carsica e dal Comune di Duino Aurisina. Ritrovo presso la Chiesa di San Giovanni Battista, a San Giovanni di Duino. www.camminatatragliolivi.it

Lunedì 29 ottobre
Dalle 17:00, Duino&Book Festival del Libro della Grande Guerra, pre- sentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. Modera la giornata Daniele Vogrig.
17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Massimo Romita. 17:30 Francesco Zardini presenta il saggio illustrato Assi e leggende della Grande Guerra; illustrazioni a opera di Luca Vergerio, testi di Francesco Zardini e Carlo Bazan.
18:00 Marco Pascoli presenta “La Battaglia fra Madrisio e San Paolo al Tagliamento”Gaspari Editore.
18:30 Marco Nocella presenta “I ragazzi del ‘99”, Atlantide Editore, dialogherà con Daniele Vogrig.

19:00 Laura Antonini e Stefano Bartoli “L’amor ai tempi del Refos- co”, Bora.La, presentato da Diego Manna.
Auditorium A.S.P. ITIS - Via Pascoli 31

Martedì 30 ottobre
Dalle 17:00 Duino&Book Festival del Libro della Grande guerra, pre- sentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. Modera la giornata Mauro Depetroni.
17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Mauro Depetroni. 17:30 “Ricordi de Famiglia de la Prima Guera Mondiale”. Gruppo di Recitazione Dialettale dell’università della Terza età, a cura di Romana Olivo.

18:30 “Le Cavità artificiali e le grotte usate per scopi bellici della valle dello Judrio nella Grande Guerra” di Marco Meneghini, presen- tato da Maurizio Tavagnutti.
19:00 Elisabetta Rigotti presenta “Mestieri del passato di Trieste e dintorni”, un viaggio alla scoperta dei mestieri della Prima Guerra Mondiale, con Francesco De Giuseppe ed Enzo Succhielli.

Auditorium A.S.P. ITIS - Via Pascoli 31

Mercoledì 31 ottobre
Dalle 17.30 Incontro su “La questione adriatica e il nuovo confine orientale italiano” con Lorenzo Salimbeni.
“L’Italia e la questione ungherese durante la conferenza della Pace di Parigi (1918/1920)” con Balazs Juhasz.

Modera Massimo Romita.
Sala Bobi Blazen, Palazzo Gopcevich in via Rossini 4 - Trieste In collaborazione con il Comune di Trieste.


Sabato 3 novembre
Alle 17.00 Presentazione del libro “Boros Istvan. Memorie della Guerra 1914/1918” con Halmagyi Pal e Gianfranco Simonit, del Gruppo San Mar- tino del Carso. www.museosanmartinodelcarso.it
San Martino del Carso a Sagrado.


Domenica 18 novembre
Dalle 11.00 Convegno di chiusura della mostra “Uno sguardo dal lito- rale”, al quale parteciperanno studiosi italiani, austriaci e sloveni. Tema: la memoria vista attraverso i cimiteri e il ricordo di quei soldati. Associ- azione Culturale Zenobi, con la moderazione di Roberto Todero. Bagnoli della Rosandra. www.zenobionline.com

Sabato 24 novembre
Dalle 17.00 Duino&Book Festival del Libro della Grande guerra, presen- tazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema.
Modera la giornata Mauro Depetroni. Riflessioni sul Centenario della Grande guerra. Mauro Depetroni dialoga con Stefano Gambarotto e gli autori della ES Editore, Silvo Stock e altri protagonisti del mondo asso- ciativo culturale storico.

Auditorium del Salone degli Incanti nell’ambito di Triesteantiqua. www.triesteantiqua.it.

Mercoledì 28 novembre
Dalle 17.00 L’ultimo appuntamento con il Duino&Book, Festival del Li- bro della Grande guerra, sarà dedicato al sociale con il grande appunta- mento dedicato al Libro Parlato Lions, il Service nazionale dei Lions Club. Auditorium del Salone degli Incanti nell’ambito di Triesteantiqua. www.triesteantiqua.it.



martedì 16 ottobre 2018

La mostra "Voci di guerra in tempo di pace. Ermada 1914 1918" al Castello di Duino, l'ultima in ordine di tempo del percorso storico culturale iniziato nel 2011,  è principalmente la presentazione del lavoro di recupero, ripristino e di valorizzazione dei manufatti riconducibili alla Prima guerra mondiale presenti sull'Ermada. Il Monte Ermada si trova oggi nella parte nord occidentale della provincia di Trieste nel territorio del comune di Duino Aurisina, mentre le sue propaggini orientali sono in territorio sloveno.

L’Ermada, ultimo baluardo dell’Imperial Regio Esercito Austro Ungarico sulla strada per Trieste, costituì durante il primo conflitto mondiale un insuperabile obiettivo militare, contro il quale si infransero senza successo gli assalti dei soldati italiani. L’esercito austro-ungarico, organizzato sulla difensiva, lo aveva trasformato in una fortezza munita di ricoveri sotterranei e armata di artiglierie occultate agli occhi dell’avversario. Nell’arco temporale che viene periodizzato dal 1914 all’autunno 1917, le popolazioni autoctone subirono privazioni e dovettero abbandonare i propri nuclei abitati e le zone di produzione agricola per far spazio all’insediamento di opere militari difensive che, di fatto, divennero un’insormontabile linea di fronte mai conquistata o superata dalle truppe italiane. L’area oggi si presenta ricca di testimonianze “immobili” dei fatti, negli ultimi anni recuperate e riportate alla luce da un gruppo di volontari.

Molte di queste strutture, grazie al lavoro infaticabile dei volontari della Società Alpina delle Giulie, pur a distanza di quasi cent’anni, e nonostante l’incuria della natura e del tempo, sono ritornati alla luce.









La mostra vuole rendere visibile il risultato di questo lavoro, così come quelli dei progetti di riqualificazione delle trincee e della raccolta delle testimonianze della Grande Guerra nel territorio di Duino Aurisina e non solo.



Negli oltre 60 pannelli fotografici che compongono la mostra in Castello di Duino ci sono immagini dell’epoca strettamente legate al territorio comprendente l’area di Duino Aurisina in particolare sull’Ermada durante la Grande Guerra:

Il territorio e le fortificazioni sull’Ermada;

I lavori di ripristino dell’Alpina delle Giulie Gruppo Cavità;

Le grotte della Grande Guerra;

I luoghi di sepoltura dei soldati caduti sull’Ermada presenti nella Provincia di Trieste;

I percorsi tematici della Grande Guerra nel Friuli Venezia Giulia, collegati alle dodici battaglie dell’Isonzo. 

Nelle bacheche, invece, verranno presentati: Reperti rinvenuti durante gli scavi che in parte sono riferiti alla vita quotidiana del soldato, come gavette e stoviglie, in parte riferiti agli strumenti di guerra come le armi e le bombe ed in infine le attrezzature di protezione come gli elmetti.



La mostra Voci di Guerra in Tempo di Pace è in contemporanea alla mostra "Isonzo, le dodici battaglie” dal 19 ottobre al Museo della guerra per la pace "Diego de Henriquez" ed è inserita nel calendario degli eventi del Duino&book. Festival del libro della Grande Guerra, a cura del Gruppo Ermada Flavio Vidonis.

sabato 13 ottobre 2018

Isonzo, le dodici battaglie, la mostra inserita nel calendario degli eventi del Duino&book


Dal 19 ottobre al Museo della guerra per la pace "Diego de Henriquez"

La mostra dal titolo "ISONZO LE DODICI BATTAGLIE", che ha toccato importanti città italiane ed europee è curata dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina Nei pannelli espositivi troviamo una presentazione del territorio teatro degli eventi e un’attenta cronologia delle battaglie dell'Isonzo che è stata sviluppata grazie al contributo del Dr. Stefano Gambarotto Presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso, corredata da immagini d’epoca riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dallo stesso Istituto e da numerosi cultori della materia. In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l'Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto.

L'esposizione è arricchita da tre diorami in scala realizzato da Aureliano Barnaba e Pasquale Durante raffiguranti l'Area dell'Ermada, l'Area delle prime undici battaglie, e la riproduzione dell'area dello Skoda a Ceroglie. Oggi, a distanza di cento anni, in "tempo di pace", è importante non perdere la memoria della sofferenza di tutti quei soldati dell'una e dell'altra parte che, dopo avere abbandonato le famiglie e gli affetti, si trovarono a vivere e morire in condizioni oggi difficilmente concepibili. Mostre come questa costituiscono un'occasione per riascoltare queste “voci” del passato e percepirne il messaggio, per noi e per le generazioni future. In quest'ottica è significativo che il progetto e la mostra nascano in una "terra di frontiera" come il Friuli Venezia Giulia e siano realizzati grazie al contributo di una rete di realtà diverse. Vogliamo essere parte attiva in questo processo di integrazione tra differenti realtà e culture, contribuendo a consolidare e a infondere in tutti, in particolare nei giovani, l’importante concetto che tutti siamo cittadini d’Europa.

La mostra è inserita nel Duino&book il 5° Festival del libro della Grande Guerra. In occasione dei cent’anni della fine del primo conflitto mondiale torna il Festival del Libro della Grande Guerra, una quinta edizione itinerante tra alcune delle Città del Friuli Venezia Giulia, scenario del tragico conflitto mondiale. Un programma che in quasi due mesi di iniziative vedrà la presentazione libri, filmati, conferenze, escursioni, mostre e tavole rotonde dedicate alle vicende della Grande Guerra che hanno coinvolto pesantemente i territori oggi Friuli Venezia Giulia. Grazie a una consolidata rete di realtà nazionali e internazionali che hanno in questi cinque anni collaborato con il Gruppo Ermada Flavio Vidonis, l’edizione 2018 del Festival si arricchirà di presenze e ospiti che attraverso la loro esperienza e conoscenza racconteranno le vicende del Primo Conflitto Mondiale.

martedì 9 ottobre 2018

Il Festival del Libro della Grande Guerra arriva alla quinta edizione

Una serie di appuntamenti itineranti, tra presentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. 

In occasione dei cent’anni della fine del primo conflitto mondiale torna il Festival del Libro della Grande Guerra, una quinta edizione itinerante tra alcune delle Città del Friuli Venezia Giulia, scenario del tragico conflitto mondiale. Un programma che in quasi due mesi di iniziative vedrà la presentazione libri, filmati, conferenze, escursioni, mostre e tavole rotonde dedicate alle vicende della Grande Guerra che hanno coinvolto pesantemente i territori oggi Friuli Venezia Giulia. Grazie a una consolidata rete di realtà nazionali e internazionali che hanno in questi cinque anni collaborato con il Gruppo Ermada Flavio Vidonis, l’edizione 2018 del Festival si arricchirà di presenze e ospiti che attraverso la loro esperienza e conoscenza racconteranno le vicende del Primo Conflitto Mondiale.

L’obiettivo principale dell’iniziativa è la valorizzazione del ruolo di responsabilità civile dei cittadini locali ed europei che oggi a cent’anni di distanza si trovano non più divisi ma uniti da una memoria comune e che continuano a essere spettatori e attori, a volte inconsapevoli, delle stesse tematiche umane e sociali. La Grande Guerra, vista non attraverso tecnicismi e luoghi comuni, ma attraverso l’uomo, vuole essere così un’occasione di dialogo e di formazione civile consapevole dei valori, dei doveri, dei diritti che, conquistati in secoli di storia, non devono essere dimenticati e stravolti.

Il Secondo obiettivo, ma non meno importante è quello che si rivolge alle nuove generazioni, che rappresentano il nostro futuro. Conoscendo i fatti e gli episodi avvenuti durante la Guerra si vuole accrescere la riflessione e il dialogo sull’educazione alla pace.

Il terzo obiettivo è la valorizzazione dei luoghi e siti storici nei quali si svolgeranno gli incontri di presentazione dei libri e degli autori.



Il programma, che si svilupperà in circa due mesi e tra Trieste, Duino Aurisina, San Martino del Carso, Fogliano Redipuglia, Bagnoli della Rosandra vedrà a ridosso delle celebrazioni del Centenario della fine della Grande Guerra uno spaccato a 360 gradi delle tragiche vicende. Con la partecipazione di ospiti austriaci, ungheresi, sloveni, polacchi, ma anche provenienti dal vicino Veneto, dall’Emilia Romagna e dal Lazio avremo il modo di approfondire tematiche e punti di vista diversi.

Diversi gli appuntamenti promozionali del Festival, il primo, l’11 ottobre all’interno dello stand BAIA DI SISTIANA con il Comune di Duino Aurisina sul Molo Audace durante la Barcolana a Trieste, con la presentazione in anteprima del calendario degli eventi, con il Sindaco di Duino Daniela Pallotta e Massimo Romita, Assessore al Turismo e il Presidente di Promotrieste Pietro Colavitti, nonchè alcuni autori e associazioni coinvolte nell’iniziativa, mentre il 19 di ottobre a Terracina (Latina) ci sarà la presentazione nazionale del programma.

Il 18 ottobre verranno aperte le mostre “ERMADA 1914-1918 VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE”, a cura del Gruppo Ermada Flavio Vidonis, nel Castello di Duino e “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE”, nel Museo della Guerra per la Pace Diego De Henriquez di Via Cumano a Trieste, a cura sempre del Gruppo Ermada e del Comune di Trieste.


Il 23 ottobre alle ore 17.30 presso il Bar Ai Sportivi di Borgo San Mauro di Sistiana ci sarà la presentazione del  progetto “Sauro100” dell’Ammiraglio Romano Sauro, nipote dell’eroe nazionale Nazario Sauro. Un progetto che lo ha visto impegnato in un viaggio lungo due anni per commemorare il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale.  Nell’occasione sarà presentato il libro “Nazario Sauro, storia di un marinaio”. La serata sarà curata dalla Lega Nazionale di Trieste e dalla Pro Loco Mitreo.

Nel pomeriggio del 26 ottobre, nel Museo della Stazione di Redipuglia verrà presentato il film "I Bambini della Grande Guerra" di Alessandro Bettero, l’evento è promosso dalla Pro Loco Fogliano Redipuglia.

Il 27 ottobre presso il Comune di Duino Aurisina ci sarà una cerimonia di scopritura targa a ricordo delle vittime Civili e Militari della Guerra 1914-1918 a cura del Comune di Duino Aurisina Obcina Devin Nabrezina e gli Amici della Croce Nera Austriaca. E nel pomeriggio, presso la Biblioteca del Villaggio del Pescatore, si darà il via alle conferenze alle 17.00 con “L’ESERCITO UNGHERESE Esperienze a confronto a cent’anni della Grande Guerra”. Per l’occasione interverranno Rinaldo Stadi, Presidente del Gruppo Speleologico Flondar, Gianfranco Simonit, Vice Presidente del Gruppo Speleologico del Carso, Tamás Pintér, Norbert Stencinger e Rózsafi János della Fondazione Grande Guerra Nagy Haboriu (Budapest, Ungheria). Al termine è prevista una visita guidata del Minimuseo del Villaggio del Pescatore.

Un’escursione sui luoghi della Grande Guerra, “LA CAMMINATA DEGLI ULIVI”, promossa dalla Rete Landa Carsica e dal Comune di Duino Aurisina è prevista per domenica 28 ottobre con ritrovo presso la Chiesa di San Giovanni Battista, a San Giovanni di Duino.

Il 29 e 30 ottobre, nell’Auditorium dell’Itis a Trieste, l’Azienda pubblica di servizi alla persona, è previsto un ciclo di conferenze sui libri e temi della Grande Guerra. Interverranno vari autori e storici esperti. A breve verrà diffuso il programma dettagliato. 

Il 31 ottobre, nella sala Bobi Blazen a Trieste, in collaborazione con il Comune, ci sarà ulteriore incontro con Lorenzo Salimbeni, Balazs Juhasz, moderati da Massimo Romita.

Il 3 novembre, a San Martino del Carso a Sagrado, ci sarà la presentazione del libro “Boros Istvan. Memorie della Guerra 1914/1918” con Halmagyi Pal e Gianfranco Simonit, del Gruppo San Martino del Carso. Domenica 18 novembre a Bagnoli della Rosandra ci sarà un convegno di chiusura della mostra “Uno sguardo dal litorale”, al quale parteciperanno studiosi italiani, austriaci e sloveno. Tema, la memoria vista attraverso i cimiteri e il ricordo di quei soldati. Associazione Culturale Zenobi, con la moderazione di Roberto Todero.

Il Festival del Libro si chiuderà con Trieste Antiqua, al Salone degli Incanti di Trieste, dove grazie all’ospitalità di PROMOTRIESTE, dal 24 novembre al 2 dicembre, ci sarà un’esposizione storica a cura del Gruppo Ermada Flavio Vidonis. Il 24 novembre, alle ore 17.00 ci sarà la conferenza “La Grande Guerra dopo il Centenario” con gli interventi di Stefano Gambarotto, Stefano Cadeddu e Silvo Stok, moderati da Mauro Depetroni.

L’ultimo appuntamento con il Duino&Book, Festival del Libro della Grande guerra, sarà dedicato al sociale con il grande appuntamento dedicato al Libro Parlato Lions, il Service nazionale dei Lions CLub, mercoledì 28 novembre alle ore 17.00 presso l’Auditorium del Salone degli Incanti.

Il programma dettagliato, tutti i nomi dei relatori, dei supporter e tutte le informazioni aggiuntive verranno diffuse nei prossimi giorni su www.festivaldelibrograndeguerra.blogspot.com

giovedì 16 novembre 2017

'EAST FRONT': EVENTI E RASSEGNE SUL TEMA DELLA GRANDE GUERRA

Dalle associazioni che collaborano con noi. 

330 giornate di attività sulla Grande Guerra.  

Martedì 14 novembre alle ore 11.00, presso la sala conferenze della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia è stata fatta la conferenza stampa che ha presentato il nuovo piano di collaborazione tra le associazioni IoDeposito OngPro Loco Fogliano e il Gruppo Culturale e SportivoAjser 2000 (con il supporto del Gruppo Ermada Flavio Vidonis). 

Il progetto, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, interesserà una costellazione di oltre 30 partners e vedrà la collaborazione speciale del Comune di Udine, del Consorzio Culturale del Monfalconese e del Comune di Chiusaforte.
La collaborazione tra le tre associazioni ha dato vita a un nutrito ventaglio di eventi e rassegne sul tema della Prima Guerra Mondiale di circa 330 giornate di attività, le quali coinvolgono l'intera regione e convergeranno, a maggio 2018, in un grande evento nei pressi del Sacrario di Redipuglia. Il progetto nasce infatti dal desiderio delle tre associazioni IoDeposito, Pro Loco Fogliano Redipuglia e Ajser 2000 di intrecciare i calendari delle loro rassegne – rispettivamente B#Side War, #StoryTellersWW1 e Voci di guerra in tempo di pace–, allo scopo di offrire al pubblico una proposta culturale ampia, diffusa e coordinata che tratti il tema della Grande Guerra affidandosi a linguaggi e campi diversi: dallo storiografico alla rielaborazione artistica.

Le iniziative in programma affacceranno, inoltre, anche su scenari extra-territoriali, realizzando alcune delle attività di presentazione e divulgazione in un secondo buffer geografico, sia internazionale sia più prossimo al Friuli Venezia Giulia: oltre a mete estere come Stati Uniti d’America e Ungheria, saranno infatti interessate le aree della Slovenia, dell’Emilia Romagna e del Veneto (come Treviso e Crevalcore), al fine di incanalare verso il Friuli Venezia Giulia l’interesse di pubblici limitrofi.




L’associazione IoDeposito è stata fondata nel 2009 sostenendo le competenze specifiche dei giovani della regione, con una particolare propensione verso i settori delle arti visive, del management culturale e della curatela. In poco più di otto anni, l’associazione ha coinvolto oltre 170.000 persone nelle sue progettazioni. Tra queste il B#Side War Festival, rassegna artistica e culturale che permea i territori del Friuli Venezia Giulia, del Veneto e dell’Istria, indagando i lasciti delle guerre del XX secolo alle generazioni di oggi grazie al forte potere dell’arte contemporanea.

Con Sentieri di Pace, La Pro Loco di Fogliano Redipuglia promuove internazionalmente da trent’anni la conoscenza storica della Prima Guerra Mondiale e Fronte Isontino, dedicandosi a numerose iniziative (“Viaggio della Memoria - Treno Storico da Redipuglia a Caporetto”, “Luci e ombre sul Carso della Grande Guerra”) e gestendo il Punto IAT di Redipuglia, il sito Dolina del XV Bersaglieri sul Monte Sei Busi, la Regia Stazione di Redipuglia con il Museo Multimediale e il Cimitero di Guerra Austro-Ungarico di Fogliano. Il progetto #StoryTellersWW1 (ri)scopre e analizza criticamente i mutamenti storici, sociali, culturali e politici portati dalla Prima Guerra Mondiale.




Fondato il 4 dicembre 2000, il Gruppo Culturale e Sportivo Ajser 2000 ha raccolto l’eredità di importanti attività associative del territorio del Comune di Duino Aurisina, operando a 360° nel campo culturale e sportivo nonché nel mondo della solidarietà. Dal 2011 il Gruppo ha voluto sviluppare iniziative a ricordo e a conoscenza degli eventi bellici legati all’Ermada e a quello che, dopo cent’anni, le trincee hanno restituito. Soggetto ideatore insieme al Gruppo Ermada Flavio Vidonis del progetto Voci di guerra in tempo di pace.

mercoledì 15 novembre 2017

GRANDE GUERRA | I prigionieri russi sul nostro territorio

Le foto dall'incontro di oggi nella sala Tiziano Tessitori, Palazzo della Regione, piazza Guglielmo Oberdan 5 a Trieste, con a Pro Loco di Trieste su "I prigionieri russi sul nostro territorio".
L'apertura del Consigliere Regionale Roberto Novelli
E con Massimo Romita, Presidente Gruppo Ermada Flavio Vidonis
I Saluti introduttivi di Michele Ciak, Presidente Pro Loco Trieste
E con Mitja Juren, Roberto Todero, Marija Pudane, Zoran Albin Sosic, Mauro Nadlisek e Mauro Depetroni, Responsabile Scientifico Gruppo Ermada Flavio Vidonis.


























domenica 12 novembre 2017

L’ultima notte della S.M.S Wien

Domenica 19 novembre alle 17.30, a chiudere gli incontri del Festival del Libro della Grande Guerra sarà la proiezione de L’ultima notte della S.M.S Wien.
Una produzione dell’Associazione Culturale Zenobi, da un’idea di Fabio Tamburin e Alessandro Ormas, regia di Claudio Sepin, ricerche e commento di Roberto Todero.



L'ultima notte della S.M.S. Wien è documentario sull’affondamento della corazzata costiera Wien, nel golfo di Muggia nel 1917 da parte del mas di Luigi Rizzo.
Proprio in questi giorni si parla di un recupero di alcuni suoi resti per destinarli a una mostra.



Il programma completo del Duino&Book - Festival del Libro della Grande Guerra, organizzato dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis è al link che segue: http://bit.ly/2hfvf9h.